Cos’è la Dieta del Gruppo Sanguigno

test

I PRINCIPI GUIDA

 

Ascoltare, riconoscere, consigliare, personalizzare”

 

La dieta del gruppo sanguigno, sui cui principi si basa il metodo del Dottor Mozzi, è uno stile alimentare salutare basato su alimenti freschi, naturali e tradizionali, combinati correttamente.

Non è una dieta dimagrante ma un regime basato sulla stretta correlazione tra alimentazione e sistema immunitario, che passa dai gruppi sanguigni, e risulta funzionale al benessere generale. Questa correlazione è stata sperimentata per la prima volta nel 1957 dal naturopata americano James D’Adamo. Continuando il lavoro del padre, il dottor Peter D’Adamo ha sviluppato poi la dieta del gruppo sanguigno.

Il dottor Mozzi nel corso della sua carriera ha approfondito questi studi, mettendo a punto un sistema alimentare più completo e preciso, che non solo prende in considerazione gli alimenti tollerati da ogni gruppo sanguigno, ma anche le combinazioni alimentari e i segnali manifestati dall’organismo in seguito all’introduzione di alimenti più o meno adatti.

L’obiettivo della loro opera di divulgazione è quello di insegnare alle persone a correlare le patologie con le abitudini alimentari quotidiane, fornendo linee guida per prevenire l’insorgere di disturbi o patologie con un’alimentazione corretta e uno stile di vita sano, che include anche l’attività fisica.

 

LA CONSAPEVOLEZZA DI SÈ

 

La dieta in base al gruppo sanguigno è stata una grande intuizione. Il sangue, oltre che nutrire i tessuti, contiene cellule del sistema immunitario, caratteristico di ognuno di noi. Quando si parla di “dieta del gruppo sanguigno”, la parola chiave che bisogna tenere a mente è consapevolezza. Questa dieta nasce ispirandosi a un’alimentazione semplice e sana, per ricercare un modello di vita più naturale a misura d’uomo. Lo scopo è aiutare le persone ad andare oltre la semplice cura delle malattie, arrivando a comprenderne le cause e a migliorare la propria vita consapevolmente, tramite un’alimentazione corretta.

 

LA DIETA E LA CORRELAZIONE CON IL SISTEMA IMMUNITARIO

 

Come tutte le grandi intuizioni, l’emodieta si basa quindi su un concetto molto semplice: le abitudini alimentari sono il fattore che influisce maggiormente sul sistema immunitario e di conseguenza sulla salute. Per stare bene è necessario individuare e modificare quelle che risultano dannose per noi, ascoltando i segnali del nostro organismo con attenzione.
In sintesi bisogna:

  • semplificare l’alimentazione utilizzando non più di 5 alimenti a pasto
  • fare attenzione alla correlazione tra gli alimenti utilizzati e i sintomi manifestati dall’organismo nelle ore successive
  • scegliere alimenti stagionali e la cui provenienza sia certificata

 

ALLA RICERCA DEL PROPRIO STATO DI BENESSERE

 

Più che una dieta è un vero e proprio percorso per alimentarsi correttamente, dal quale tutti possono trarre beneficio: non solo le persone che hanno bisogno di migliorare la propria salute, ma anche tutti coloro che vogliono smaltire i chili in eccesso, gli sportivi che desiderano migliorare le proprie prestazioni o, in generale, chi vuole prevenire e mantenere intatto il proprio benessere.

 

CONOSCERE IL PROPRIO GRUPPO SANGUIGNO

Il primo passo per iniziare a praticare la dieta è conoscere il proprio gruppo sanguigno. Essa infatti si basa sul fatto che i globuli rossi di ogni gruppo hanno sulla superficie tipi e quantità diverse di antigeni che interagiscono con il sistema immunitario e reagiscono in modo diverso agli alimenti. Una volta appurato, è necessario capire quali cibi siano più o meno compatibili con il nostro sistema immunitario. 

La nuova dieta del dottor Mozzi fornisce proprio queste informazioni, che sono da intendere come linee guida, partendo dalle quali, ognuno dovrà trovare l’alimentazione più adatta al proprio sistema immunitario.

Dieta

Correlati

tandù